mercoledì 3 luglio 2013

Marmellata di radicchio rosso

Care  amiche ,
durante un viaggio a Treviso ho assaggiato i prodotti tipici  trevigiani , partendo da Radicchio Rosso  protagonista  della buona tavola , ai formaggi , come la famosa Casatella Trevigiana , un formaggio fresco prodotto da latte di mucca pastorizzato,il Prosecco e per fine il dolce trevigiano più diffuso nel mondo , il Tiramisù  !! ma  non solo questo ..ho assaggiato un Tiramisù speciale  preparato con la marmellata di radicchio rosso e il pan di Spagna . Ho chiesto se potevo avere la ricetta ma non è stato possibile .Ma per me non c' è problema , intanto ho  pensato di preparare  per primis la marmellata di radicchio e poi  preparerò questo tiramisù al modo mio .
Allora  ho tirato su le maniche e ho preparato questa squisita marmellata aggiungendo il mio tocco personale . Ho arromatizzato la marmellata con la grappa, l 'arancio e l'amaretto fatto in casa .
La marmellata che ho arromatizzato con  arancio e amaretto la userò per preparare le crostate o per le torte farcite,invece quella aromatizzata con la grappa la userò per i formaggi, infatti la marmellata di radicchio alla grappa  con il suo gusto amarognolo  e un ottimo abbinamento per i caprini, formaggi di pasta semidura e dolce, asiago, taleggio, robiola e formaggi di altra stagionatura come il parmigiano. 
Ecco la mia ricetta : 
Ingredienti
3 kg di radicchio rosso 
800 kg di zucchero semolato
200 gr  di zucchero di canna
grappa
amaretto
 scorsa e succo di arancia
Preparazione
Lavate bene i radicchio e poi tagliatelo a piccoli pezzi  e mettetelo in una o due pendole . Io per 3 kg  di radicchio ho usato 2 pendole  grandi .
Aggiungere  anche lo zucchero e cuocere tutto  a fuoco basso per circa 2 ore .
Nel frattempo sterilizzate  i vasetti di vetro  in acqua bollente .
Passate  le due ore  frullate la marmellata , io ho preferito trasformala in purea  ma se vi piace potete lasciarle anche a pezzettini
A questo punto  dividete la marmellata  in 3 pendole e aromatizzate a vostro piacere
Io ho aggiunto la grappa, l 'amaretto fatto in casa , e la scorza e il succo di un' arancia .
Poi ho fatto asciugare la marmellata  a fuoco medio per altri 10  min .
Poi riempite i vostri vasetti già sterilizzati  con a marmellata  bollente ,chiudete  il tappo e capovolgere  . Se volete fare una doppia sterilizzazione  appena freddi potete farli bollire a bagno maria per 15 min. 

 Conservate   i vasetti in un luogo  fresco e  asciutto e buio; la vostra marmellata durerà 2 anni
Servite  insieme ai formaggi  o per preparare i dolci
Io ho preparato un squisita crostata con la marmellata che avevo preparato il 2011
ottima idea  per regalarla alle vostre amiche durante il periodo Natalizio
Io preparo i vasetti  con le etichette e poi faccio le confezioni per il periodo Natalizio
ecco il link per le  etichette

Informazioni utili ( presse da Internet)
Il Radicchio Rosso di Treviso è  considerato l'indiscusso "re" delle tavole invernali, e questo titolo il radicchio rosso di Treviso se lo merita proprio perché va dappertutto: negli antipasti, nei primi, come contorno, da solo, persino nei dolci, riuscendo a deliziare anche i palati più raffinati.
Simbolo di trevigianità e di quella "marca gioiosa et amorosa" famosa anche per la sua cultura gastronomica, il radicchio viene proposto ormai nei ristoranti di tutto il mondo. Un fiore croccante, dal gusto amarognolo che viene lentamente addolcito dalle gelate notturne. Ineguagliabile al palato e godimento anche per gli occhi, con le sue foglie dal colore rosso acceso contrapposto al bianco brillante delle costole principali.
Due le tipologie commercializzate: la "precoce", dal 1 di settembre, e la più pregiata "tardiva", da dicembre a marzo.
Prodotto a cavallo fra le province di Treviso e Venezia, il radicchio rosso si fregia del marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) sin dal 1996 e un Consorzio ne tutela tutte le fasi di produzione e commercializzazione.
 
Varie note per la preparazione di marmellate, confetture e gelatine
( Info prese da Internet)
Le marmellate , confetture e le gelatine preparate in casa , sono prive di conservanti .
Io personalmente uso poco zucchero e preferisco quello di canna e faccio bollire le mie marmellate pochissimo .
Ricordo che a posto di pectina possiamo usare le mele o il succo di mela
Di solito le marmellate vanno consumate nell' arco di 3-4 mesi . Ma se si aggiunge tanto zucchero possono durare anche 2 anni.
Una volta aperto il barattolo vanno conservate in frigorifero ma meglio usarli entro un mese dal apertura .Pur se la preparazione classica di marmellata o confettura prevede l’utilizzo di un uguale peso di frutta nettata e zucchero, il peso di quest’ultimo può variare, in base alla quantità di zucchero presente nella varietà di frutta adoperata e al gusto personale.
Per quanto riguarda, invece, la gelatina, il peso dello zucchero varia, in base alla varietà di frutta e al gusto personale, da un minimo di 400 g ad un massimo di 800 g per chilogrammo di succo di frutta.
In genere, viene consigliato di utilizzare 60-70 g di zucchero per ogni 100 g di frutta (peso lordo).
Buon divertimento
Chara F.


5 commenti:

  1. Brava la chiara!!!!

    RispondiElimina
  2. Visto che sei cosi'bravina ,conosci anche la ricetta di un dolce che usi la tua marmellata di radicchio rosso.Se si saro' felice di provarne la bontà ,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo a un anonimo
      per il momento ho fato solo la crostata con la ricotta e la marmellada di radicchio per le mie colleghe a lavoro ma non ho messo la ricetta su mio blog .. il mio prossimo dolce sarà il tiramisu e o poi metter la ricetta su blog ....bye bye ...anonimo :-)

      Elimina
  3. For sure, this plant is absolutely delicious and there are lot of recipes. Congrats for the jam!

    RispondiElimina