venerdì 31 gennaio 2014

Miele di pere cotogne al Chilly (Μέλι κυδωνιού με πιπεριά καφτερή)

 Care amiche ,
 oggi vi invito a preparare insieme a me  il miele di pere cotogne ( ricetta presa in internet ) che ho preparato con i torsoli  avanzati dei frutti che ho usato  per la preparazione di confettura di pere cotogne al cioccolato e caffè e la cotognata di pere cotogne con mosto e zucchero di canna
Forse state pensando...ma si trovano le pere cotogne  il mese di gennaio??? certo che no...Queste confetture li avevo preparate il mese di novembre ma  non ho avuto tempo di pubblicarle , ed eccomi qua ..


Ingredienti
1 kg di torsoli e bucce ( io avevo solo i torsoli)
1 kg di zucchero semolato
il succo di un limone
Preparazione
Mettiamo i torsoli  ( e le bucce)   in una pentola e portiamo a ebollizione .


Facciamo cuocere a fuoco molto basso per circa 2 ore .


Passato questo tempo togliamo dal fuoco, lasciamo a riposare per circa 30 min , prendiamo un colino e traversiamo il succo . Pressiamo sulla frutta per far fuoriuscire tutto il liquido .


a questo punto prendiamo il liquido  pesiamolo, aggiungiamo  uguale  peso di zucchero semolato e il succo di un limone e portiamo di nuovo a ebollizione.Facciamo cuocere a fuoco basso per circa 3 ore . Se dovesse essere necessario, schiumate con una schiumarola.
Verifichiamo la cottura con la prova piattino versando su piattino un cucchiaino di liquido  e lasciamo intepidire . Se inclinando il piattino la consistenza non sarà mielosa e densa  continuiamo ancora  la cottura fino ad avere la consistenza desiderata .


Sterilizziamo  i nostri vasetti di vetro e ι loro coperchi mentendoli dentro una pentola con abbondante acqua .Lasciamoli a bollire per 30 min, li scoliamo e  li lasciamo capovolti su un canovaccio pulito.


Mettiamo il nostro miele nei barattoli , aggiungendo un peperoncino  per ogni vasetto, avendo cura di lasciare 2-3 cm di spazio dal bordo , chiudiamo e  capovolgiamo.


 Una volta freddi verificate che il sottovuoto si sia formato correttamente ;se premendo sul tappo NON sentite il "click Crack "significa che il sottovuoto è stato fatto correttamente . Lasciate passare un mese prima di consumare il vostro miele affinché si insaporisca bene .


Ottimo per  accompagnare  i bolliti e i formaggi stagionati



Varie note per la preparazione di marmellate, confetture e gelatine
( Info prese da Internet)
Le marmellate , confetture e le gelatine preparate in casa , sono prive di conservanti .
Io personalmente uso poco zucchero e preferisco quello di canna e faccio bollire le mie marmellate pochissimo .
Ricordo che a posto di pectina possiamo usare le mele o il succo di mela
Di solito le marmellate vanno consumate nell' arco di 3-4 mesi . Ma se si aggiunge tanto zucchero possono durare anche 2 anni.
Una volta aperto il barattolo vanno conservate in frigorifero ma meglio usarli entro un mese dal apertura .Pur se la preparazione classica di marmellata o confettura prevede l’utilizzo di un uguale peso di frutta nettata e zucchero, il peso di quest’ultimo può variare, in base alla quantità di zucchero presente nella varietà di frutta adoperata e al gusto personale.
Per quanto riguarda, invece, la gelatina, il peso dello zucchero varia, in base alla varietà di frutta e al gusto personale, da un minimo di 400 g ad un massimo di 800 g per chilogrammo di succo di frutta.
In genere, viene consigliato di utilizzare 60-70 g di zucchero per ogni 100 g di frutta (peso lordo).
Buon divertimento
Chara F.


Nessun commento:

Posta un commento